+39 329 4330328
info@enricocatalano.com

Kintsugi: riempire d'oro le ferite

Quando i giapponesi riparano un oggetto rotto, valorizzano la crepa riempiendo la spaccatura con dell’oro. Questa tecnica è chiamata “Kintsugi”. Oro al posto della colla, metallo pregiato invece di una sostanza adesiva trasparente.
La pratica deriva dall’idea che dall’imperfezione e da una ferita possa nascere una forma ancora maggiore di perfezione estetica e interiore. Infatti, essi credono che quando qualcosa ha subito una ferita ed ha una storia, diventa più bello.

La scelta di prospettiva è tutta qui: occultare l’integrità perduta o esaltare la storia della ricomposizione?

Chi vive in Occidente fa fatica a fare pace con le crepe. “Spaccatura, frattura, ferita” sono percepiti come l’effetto meccanicistico di una colpa, perchè il pensiero digitale ci ha addestrati a percorrere sempre e solo una delle biforcazioni: o è intatto, o è rotto. Se è rotto, è colpa di qualcuno.
Il pensiero analogico – arcaico, mitico, simbolico – invece, rifiuta le dicotomie e ci riporta alla compresenza degli opposti, che smettono di essere tali nel continuo osmotico fluire della vita.
La Vita è integrità e rottura insieme, perché è ri-composizione costante ed eterna.

Il dolore è parte della vita. A volte è una parte grande, e a volte no, ma in entrambi i casi è una parte del grande puzzle, della musica profonda, del grande gioco. Il dolore fa due cose: ti insegna, ti dice che sei vivo; poi passa e ti lascia cambiato. E ti lascia più saggio, a volte. In alcuni casi ti lascia più forte. In entrambe le circostanze, il dolore lascia il segno, e tutto ciò che di importante potrà mai accadere nella tua vita lo comporterà in un modo o nell’altro.

I giapponesi che hanno inventato il Kintsugi l’hanno capito più di sei secoli fa, e ce lo ricordano sottolineando con l’oro le crepe, che finiscono per rendere più ricchi i magnifici vasi che le portano. Forse anche noi possiamo riempire d’oro le noste ferite…

vaso kintsugi 1 vaso kintsugi 2

 

 

 

 

 

N.d.R.: Alcune parti del testo sono tratte da varie fonti online